Vendita funghi Porcini secchi, sott'olio e prodotti del sottobosco

Fungo Prugnolo

Fungo Prugnolo

Il Calocybe Gambosa chiamato comunemente Fungo Prugnolo è da molti ritenuto uno dei miceti più prelibati della nostra terra.
Secondo la tradizione popolare matura il 23 Aprile, giorno della ricorrenza di San Giorgio, infatti da molti è anche chiamato fungo di San Giorgio, ma ovviamente il ritrovamento può variare a seconda dell’andamento stagionale e dall’altitudine.
Si può riconoscere dal cappello carnoso ed emisferico dal colore bianco-crema a giallo, le lamelle sono fittissime e strette di colore bianche o crema pallido.
Il fungo Prugnolo cresce principalmente nei prati o ai margini del bosco, spessi in cerchi, ma si può trovare anche tra cespugli spinosi come il biancopsino.
Nasce principalmente nei mesi di aprile e maggio, si possono raccogliere massimo 2 kg. di funghi e il diametro del cappello deve essere superiore a 2 cm.
Il raccolto deve essere custodito in un cestino in vimini e come sempre bisogna fare molta attenzione a non rovinare il prato con rastrelli o attrezzi simili in quanto si distruggono  inevitabilmente le micorrizie presenti nel terreno pregiudicando la nascita del fungo.



Come cucinarli

I prugnoli vengono lavorati, conservati e raccolti in maniera tipica e tradizionale nelle valli del Taro. Freschi vengono fatti soffriggere con cipolla o aglio, aggiunte la pasta all'uovo e fatti saltare in padella con un pizzico di panna da cucina. Vengono inoltre aggiunti alla frittata sempre dopo essere stati soffritti. Una prelibatezza!