Vendita funghi Porcini secchi, sott'olio e prodotti del sottobosco

Galletti

Galletti

l Cantharellus cibarius (volgarmente gallinaccio, galluccio, finferlo o, meno diffusi, garitula, orecchina, gallitula, galletto, gialletto, gaddiniedde) è uno dei funghi più conosciuti e apprezzati.
Il Cappello è piccolo, irregolarissimo, ondulato, prima convesso, poi piano ed avvallato, margine rivoluto, liscio, pruinoso, di colore giallo-arancio o giallo-oro.
Sotto il cappello ha grosse pieghe (pseudolamelle), distanti, verrucose, decorrenti sul gambo, di colore giallo-arancio.
Il gambo è tozzo, assottigliato alla base e talora brevissimo.
Cantharellus cibarius deriva dal greco 'kàntharos': coppa, diminutivo di piccola coppa e dal latino 'cibus': cibo, attinente il cibo, commestibile.
Cresce in estate-autunno, nei boschi di latifoglie e aghifoglie, in numerosi esemplari disposti a circoli o gruppi nel terreno muschioso.
Insieme al porcino è uno dei funghi più amati perché si presta ad essere preparato in mille ricette.
Il finferlo ha un caratteristico profumo di frutta fresca, come prugna, pesca o albicocca.


Come cucinarli

Il sapore è dolciastro, essendo un fungo prelibato si presta ad essere cucinato in tanti modi (unica eccezione la graticola), con il risotto, come contorno di carni e cacciagione, ed anche per condire, con il sugo rosso, la polenta, per gli svariati utilizzi è detto "il prezzemolo dei funghi".
Per il caratteristico e spiccato sapore i finferli trifolati con prezzemolo sono ottimi.
Si abbinano perfettamente a panna o besciamella, purché la salsa sia usata con moderazione.